lunedì 26 marzo 2012

Sorridono 'angeli' e 'granchi' su Latina e Udine

ANGELS SANTARCANGELO-BENACQUISTA ASSICURAZIONI LATINA 71-46
Torrenziale, devastante, incredibilmente prepotente nel suo incedere minuto dopo minuto. Questa Santarcangelo nelle ultime cinque uscite casalinghe è un vero e proprio schiacciasassi e interpreta al meglio il dettato di coach Bernardi. Le partite sono giocate con grande grinta ed entusiasmo, tutte come finali. Ne è conseguito, finora, che nella serie dei cinque successi casalinghi, lo scarto medio sia stato di 21 punti. Niente male, no? Anche con Latina il trend è lo stesso, con gli Angels a lavorare duro difensivamente nel primo tempo e a scappare via a inizio ripresa senza voltarsi più indietro. Alla fine arriva il +25, 71-46.
I protoganisti? Dynamic duo, Bedo e Ancy, Bedetti e Ancellotti. Le cifre finali? 37 di valutazione per Andrea e 33 per Luca. Quelle iniziali? Il duo ha prodotto, tutto da solo, i primi 34 punti di Santarcangelo (18 Ancy e 16 Bedo). Punte di diamante, ma il resto della squadra era presentissimo e ha supportato gli attori protagonisti con difesa, assist e tutte le altre piccole cose che servono. Dal 12-9, i gialloblu vanno col primo break spacca-partita, un 10-0 che manda le squadre al primo mini riposo sul 22-9. La pressione clementina si fa sentire e a metà campo la 3-2 è insuperabile. Il trend Bedetti-Ancellotti, come accennato, prosegue fino a 2’55” dal 20’, quando Rivali mette la ripla del 37-21. Tante giocate decisive una dietro l’altra, ma probabilmente quella che chiude ogni discorso è la rubata allo scadere del primo tempo di Bedo su Serena che si trasforma nel contropiede del 40-25. A inizio ripresa non c'è la stessa brillantezza di prima in attacco, ma l'ulteriore allungo arriva. Bonaiuti al 23' mette il 44-25, Rivali va col 54-31 al 29'. É un monologo gialloblù e l'ultimo quarto vale solo come garbage time. Il massimo vantaggio arriva sul 68-39 col canestro di Luca Pesaresi. Fantastici Angels.

BASKET RIMINI CRABS-GSA UDINE 71-56
Vittoria di grande sostanza, la quarta in fila, per i Crabs contro la GSA Udine e risultato che diventa ancora più pesante in virtù della sconfitta interna di Montegranaro che tiene a 8 punti di distanza il gruppo delle quarte.
Al Flaminio scendono in campo due squadre con filosofia opposta: i ragazzi di Ambrassa vogliono correre, quelli di Medeot giocare a metà campo. Udine è ben altra squadra rispetto all'andata, grazie ad un roster rinnovato con innesti importanti come Laezza e Budin.
Ma i Crabs sono in forma e lo dimostrano fin dall'inizio, scappando con le triple di Bruni, Hassan e Gasparin. Gli ospiti con esperienza e qualche rimbalzo d'attacco catturato da Principe rimangono a contatto, ma sono comunque i ragazzi di Ambrassa a fare la partita: 22-19 al 10', 38-34 all'intervallo.
Ad inizio terzo quarto i biancorossi si incartano contro la zona udinese, ma è questione di minuti: la palla riprende a girare Hassan, Bruni e Silvestrini ancora dalla lunga aprono la "scatola" ed il match va in discesa. Il quarto si chiude sul 59-47 e l'ultima frazione diventa così una formalità, amministrata con grande concentrazione.
Finisce 71-56.
Tabellino


Nessun commento:

Posta un commento