lunedì 12 dicembre 2011

Santarcangelo dura un tempo in riva al Ticino

SBS CASTELLETTO TICINO-ANGELS SANTARCANGELO 67-52
A Castelletto gli Angels non vanno oltre una buona prima parte di gara, subiscono un parziale che tramortisce nel terzo quarto e non si rialzano più. Questa, in estrema sintesi, l'analisi di una partita nella quale i nostri hanno sofferto a rimbalzo e non sono riusciti a reagire al buon impatto dell'Sbs nel secondo tempo. Si ritorna dalla trasferta con un ko e ora l'imperativo è subito voltare pagina, visto che sabato prossimo al PalaAngels arriva Firenze.
L’inizio è favorevole a Santarcangelo, che riesce ad andare sull’1-5 grazie a una tripla di Palermo e poi allunga con Broglia per il 6-12 del 7’. Tutto pare filare nella maniera giusta, anche perché la difesa morde e in attacco si trovano buone soluzioni da parte di tutti. Si soffre un po’ Cotani a rimbalzo (10 alla fine del primo tempo) ma il timone del comando è nelle mani degli Angels. Santarcangelo va 10-16 con un buon Ancellotti, ma in quel momento Castelletto fa le prove generali del break che poi ucciderà la partita nel secondo tempo. L’Sbs questa volta si limita a un 11-0 che non chiude affatto la questione (21-16 al 14’) ma che segnala di come il vento della partita sia cambiato. C’è comunque equilibrio, i clementini restano in gara alla grande e all’intervallo la bilancia è in perfetta parità (29-29).
Il secondo tempo comincia molto bene, con i canestri di Bonaiuti e Palermo per il 29-33 e con tutta l’inerzia del mondo dalla parte ospite. Eppure… Eppure questa volta basta poco, molto poco, per far crollare tutto. Castelletto è brava a riprendersi e a mettere il parziale che la porta in vantaggio. Dri e Cotani cambiano la partita (43-35 al 27’) ma si è comunque “solo” a -8 con tutto il tempo a disposizione per ribaltare ancora una volta le sorti del match. L’aria però non è quella della reazione, la forbice invece di accorciarsi si allunga a dismisura e ben presto non c’è davvero più nulla da fare. Al 33’ il tabellone dice 59-36, il che equivale ad un break di 30-3 che non lascia spazio a recriminazioni. Nel finale qualcosa si rosicchia ma obiettivamente la partita era finita da un pezzo. Sabato in casa con Firenze, sempre forza Angels!

Nessun commento:

Posta un commento