martedì 21 giugno 2011

Angels Santarcangelo promossi in A Dilettanti

Mercoledì 1 giugno 2011
Data indimenticabile per la pallacanestro clementina. Gli Angels Santarcangelo, arrivati secondi al termine della stagione regolare ed in finale playoff dopo aver liquidato nelle fasi preliminari Roncade e la corazzata Ravenna, conquistano una storica promozione in A Dilettanti.
Agli uomini di coach Padovano è bastato vincere due match sui tre; sulle tavole amiche del Pala Angels per 72-48, bissando 71-57 sul campo dell'altra finalista Coopsette Castelnovo.


ANGELS SANTARCANGELO-COOPSETTE CASTELNOVO 72-48
(14-10, 28-23, 48-31)
ANGELS: Maioli 3, Pesaresi 5, Marisi S. 5, Silimbani 9, Rivali 6, Bedetti 14, Palermo 10, Rinaldi 2, Marisi G. 2, Meschino 16. All.: Padovano
COOPSETTE: Garofalo 2, D’Amore, Verzellesi, Bartoccetti 6, Castagnaro 4, Codeluppi 4, Coraggio 5, Bacchi 6, Grobberio 12, Lusetti 9. All.: Ranuzzi

SANTARCANGELO - Gli Angels non hanno proprio paura di volare ed ora il paradiso chiamato A Dilettanti è veramente ad un passo. Straordinaria la prova dei ragazzi di Padovano che con l’ennesima devastante prova di forza asfaltano Castelnovo ed ipotecano la seconda promozione in due anni. Lo fanno con una ripresa veramente da applausi nella quali stritolano i reggiani e li umiliano con una pallacanestro veramente da standing ovation.
LA CRONACA Gli Angels partono a razzo e dopo il primo canestro di Bacchi piazzano un primo mini break di 7-2 con Bedetti (14 punti), Stefano Marisi e Silimbani che costringe Ranuzzi a chiedere in fretta e furia il timeout. Però il rientro è tragico per i reggiani che subiscono il gioco in transizione dei gialloblù con Bedetti che inchioda quattro punti che valgono il 14-6. Castelnovo sembra sbandare ma resta in partita grazie ai rimbalzi (27-13 a metà tempo) e chiude il primo quarto sotto di quattro punti. Il secondo quarto si apre con un 10-0 degli Angels griffato Palermo e Silimbani che vale il più 14 in vantaggio e sembra spaccare l’incontro in due. La Coopsette sembra in grave difficoltà ma tra il 14’ ed il 15’ infila una striscia di sei punti che costringe Padovano a chiamare timeout. Le mani degli Angels però si sono improvvisamente raffreddate e Castelnovo continuando a fare il bello ed il cattivo tempo a rimbalzo riesce a riportarsi sul -3 con un canestro di Grobberio ed un gioco da tre punti di Lusetti. Marisi rompe le secche offensive ad un minuto dalla sirena di metà tempo e con un altro canestro di un ottimo Silimbani in chiusura va negli spogliatoi con una dote di 5 punti.
Il terzo quarto inizia malissimo per gli Angels che subiscono Castelnovo che con un parziale di 8-2 trova il primo ed unico vantaggio al 22’. Un antisportivo sanguinoso di Castagnaro però fa partire la riscossa degli Angels che grazie a Rivali e a quattro punti fondamentali di un utilissimo Meschino si riportano sul +5 (36-31) al 25’. La Coopsette prova a mettersi a zona ma gli Angels con giudizio l’attaccano bene ampiando il parziale di altri 10 punti che porta il match sul 46-31. Castelnovo non trova nulla dal suo attacco (0/15 da tre punti!) e Castagnaro perde nuovamente le staffe commettendo il secondo antisportivo proprio sulla sirena del terzo quarto che lo toglie dalla partita e vale il +17 Angels. Nel quarto quarto gli Angels continuano a menare le danze e raggiungono anche il +26 con Bedetti, Meschino (top scorer con 16 punti) ed uno schiaccione micidiale a due mani di Palermo che fa esplodere l’arena. Non c’è più partita. C’è solo il tempo per urlare ‘tutti a Reggio’. Mercoledì si può fare la storia.



(11-16, 26-34, 38-52)
COOPSETTE: Garofalo 5, D’Amore 3, Verzellesi 3, Bartoccetti 9, Grassi 3, Castagnaro 12, Coraggio, Bacchi 2, Grobberio 13, Lusetti 7. All.: Ranuzzi.
ANGELS: Maioli 2, Pesaresi 5, Marisi S. 3, Silimbani 16, Rivali 14, Bedetti 11, Palermo 16, Rinaldi, Marisi G. 2, Meschino 2. All.: Padovano.

A. O anche A Dilettanti, come si dovrebbe chiamare la vecchia B1. Solo che qua di dilettantesco c’è ben poco, qua c’è “solo”, e scusate se è poco, un pezzo di Romagna che cresce, vince, poi ancora lavora, poi cresce e poi ancora vince. Tutto normale? Forse sì, se pensiamo a quanto sia stata meritata questa promozione. Ma anche no, se inquadriamo l’evento in una cornice da impresa impossibile, da matricola che si doveva salvare e ha messo in fila tutte le grandi, da squadra che ha guardato in faccia Golia e gli ha tirato una sassata, ha sfidato i mostri della categoria e li ha tecnicamente massacrati. In poche parole, ha reso possibile l’utopia. A Dilettanti…….
Al Punto Sport di Castelnovo di Sotto l’aria, inutile negarlo, era quella dell’evento fin da molto prima della palla a due. Perché? Perché i giocatori erano fiduciosi e tranquilli, perché i tifosi erano carichi e numerosissimi (due pullman strapieni più le tante auto, fate voi i conti…), perché l’intuito ti faceva pensare che questa volta, contrariamente a quanto accaduto nel 2010, il gusto dolce del successo lo si sarebbe potuto assaporare in trasferta.
Dolce come il miele, come il parziale di 11-0 arrivato dopo i canestri di Grobberio e Bartoccetti. Un 4-11 esterno (6 di Rivali) che ha in sé i semi degli ultimi due anni di Angels targati Padovano: grande attenzione in difesa, mani veloci sulle linee di passaggio e contropiedi fulminanti. Poi la Coopsette rientra un pochino, va 9-11 con l’unico vero sprazzo nella serie di Garofalo e accende anche il tifo di casa. Uno spettacolo da grandi palcoscenici, con le due tifoserie vicine in tribuna che sportivamente se la cantavano fino a che fiato e polmoni potevano reggere…. Alla prima mini pausa si va 11-16 con una costante e una differenza rispetto a gara1: di uguale c’è la solita pressione difensiva Angels su Garofalo e tutti gli altri uomini più pericolosi. Di diverso c’è l’approccio e l’attività a rimbalzo dei gialloblu, dominanti nel reggiano dopo aver sofferto la prestanza fisica di Bacchi, Grobberio e Lusetti in gara1 (alla fine la sfida a rimbalzo finirà 25-40…).
Nel secondo quarto gli attacchi brillano di più, la manovra scorre leggermente più fluida anche a difesa schierata su entrambi i fronti e gli Angels si mantengono comunque davanti. Gli uomini caldi sono Silimbani e Palermo, rispettivamente 6 e 8 nel quarto per tenere avanti i nostri pur con un vantaggio che poteva essere ben più consistente del +8 del 20’ (26-34). Con un’azione piena da giocare e la rimessa dal fondo a fine periodo, infatti, Bedetti sbaglia il lay-up del +13 e dall’altra parte, all’ultimo secondo, Verzellesi mette una tripla centrale che segnala di come la Coopsette sia ancora viva.
Nel terzo periodo si scalda anche Grobberio, ma ormai Santarcangelo è in ritmo, ha in mente solo la A, non se la lascerebbe sfuggire mai… Pesaresi mette la tripla del +11 al 23’ (30-41), capitan Rivali e Giovanni Marisi rispondono colpo su colpo a Castagnaro, Meschino col tap-in e Palermo con due liberi allungano in chiusura di parziale sul 38-52.
Qui arrivano i primi brividi lungo la schiena, la sensazione è che sia fatta, ci sono dei minuti per metabolizzare l’idea ma quello che vedi in campo va oltre l’immaginazione. Vedi dei ragazzi convinti, dei giocatori meravigliosi, una squadra straordinaria. Un insieme (società+squadra+tifosi) che si è visto poche volte in giro… Passano i minuti e aumenta la commozione, scorre il cronometro e l’esultanza da qualche parte si trasforma in lacrimuccia. Doveroso, perché anche i più “duri” si sciolgono quando vedono quei satanassi dei nostri angeli volare verso l’ennesimo empireo, verso un paradiso terrestre di gioia assoluta… Giocano anche quattro azioni di fila in attacco, gli Angels, tanta è la volontà di andare a rimbalzo e la furia agonistica. Ne giocano quattro e alla fine ne escono con una tripla da 8 metri di un sontuoso Silimbani, la firma sul 40-57 del 33’ che è già una sentenza passata in giudicato. Battiamo il martelletto, Santarcangelo ce l’ha fatta. Bedo va con il gioco da tre punti per il 42-60, capitan Rivali con la palombella a centro area alla Navarro per il 49-65 a sgoccioli dalla fine. C’è tempo per Rinaldi e Maioli, per un pubblico di casa che oltre a tributare le standing ovation ai propri giocatori, applaude sportivamente anche i nostri ragazzi. Ed è ancora più bello vincere così, con il consenso di chi hai appena battuto, con gli sguardi di approvazione di tutto il palazzo. -3, 2, 1, sirena finale…… 57-71….. Angels in A…. Invasione di campo, festa infinita, abbracci tra uomini veri… Cori ed esultanze…. Vaya con dios ragazzi, ve lo siete meritato…..




Tabellone finale Playoff 2011 - B Dilettanti Girone B


Articoli tratti da www.santarcangelobasket.com

Nessun commento:

Posta un commento